Menu

A+ A A-

Una "guida" sicura per i mesi invernali

ZF Aftermarket invita le officine a consigliare agli automobilisti un controllo approfondito della vettura per affrontare l’inverno in totale sicurezza in tutte le condizioni sia delle strade che del traffico

I controlli di telaio, freni e sterzo sono verifiche standard per il check-up invernale da effettuare regolarmente tutti gli anni. Mentre la vettura è sul ponte, l’autoriparatore non dovrebbe mancare di controllare anche gli ammortizzatori, i cuscinetti e le testine snodate. In particolare, poi, le cuffie dello sterzo necessitano di speciale attenzione.

Le cuffie dello sterzo sono i soffietti in elastomero termoplastica (TPE) che proteggono la scatola guida. Le protezioni assicurano che l'umidità e le impurità della strada non entrino nella scatola sterzo e nei giunti dei tiranti della stessa. Anche delle piccole fessure nel soffietto possono portare a conseguenze irreparabili. Ad esempio, detriti, umidità e agenti salini presenti sulle strade nel periodo invernale possono farsi strada e intaccare i meccanismi in movimento, corrodendo le superfici metalliche lavorate con precisione.  

Le cuffie dello sterzo integre proteggono i meccanismi della tiranteria

Una superficie corrosa sulla cremagliera dello sterzo nel tempo rovinerà la sigillatura del cilindretto di sterzo. Questo può provocare grandi perdite di fluido idraulico dal sistema di sterzo e, nel peggiore dei casi, la rottura della scatola guida. Un controllo periodico dei soffietti dello sterzo permette agli automobilisti di evitare di dover sostituire, a costi elevati, l'intera scatola guida e la tiranteria. In aggiunta, anche i sistemi di assistenza elettrica dello sterzo si deteriorano per via della corrosione e l'usura. In particolare, vengono compromessi i delicati componenti elettronici, con il risultato di sterzi imprecisi, rumorosi e poco efficaci.

Nel lungo periodo, una guida morbida e sicura può solo essere garantita se i soffietti dello sterzo vengono mantenuti integri e funzionali, quindi in grado di proteggere la scatola dello sterzo e i tiranti. Uno sterzo efficiente deve essere morbido, senza impuntamenti, ed essere in grado di autocentrarsi. In aggiunta al sistema di sterzo, anche l'autotelaio e gli ammortizzatori concorrono in modo significativo alla sicurezza del veicolo su strada. Dopotutto, la sicurezza è garantita se tutti i componenti dell'autotelaio funzionano perfettamente.

La sostituzione delle cuffie dello sterzo richiede un attrezzo speciale.

Se si rende necessaria la sostituzione del soffietto di protezione della scatola guida, la riparazione dovrebbe essere fatta solo con ricambi di qualità di primo impianto e attrezzi idonei. Se non vengono seguiti questi consigli, si rischia la non perfetta adesione delle cuffie alla scatola guida e alla tiranteria. I ricambi, infatti, dovrebbero essere installati secondo le direttive della casa costruttrice, in modo da assicurare una sigillatura affidabile e durevole. L'ausilio di pochi grammi di grasso siliconico sulle sedi di tenuta permetterà all’autoriparatore di calzare le cuffie di protezione in modo efficace e con un'ottima sigillatura.

In rapporto al tipo di scatola guida, possono essere necessari anelli di tenuta addizionali che sono compresi nella confezione del ricambio.  Le guarnizioni devono essere montate in alternativa al grasso siliconico sulle superfici. La riparazione e l’installazione risulterebbero ancora più semplici se si usasse, ad esempio, la scatola sterzo JRP1130 per Volkswagen Polo 6R1/6C1 con la tiranteria e le cuffie di protezione preassemblate. ZF Aftermarket distribuisce sistemi sterzo a marchio TRW che coprono oltre il 98% del parco circolante auto europeo.  Con la vasta gamma di prodotti di qualità di primo impianto di ZF Aftermarket, le officine di riparazione sono ben supportate per affrontare i controlli delle vetture per l'inverno. 

 

 

Torna in alto

Autopromotec 2017

Scopri GM-Edu.it

Contatti Redazione

Il Giornale del Meccanico
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.