Menu

A+ A A-

I giapponesi di Showa-Denko entrano nell'azionariato di Fiamm Siapra

La Fiamm Siapra ha un nuovo azionista che parla sempre giapponese. La Showa-Denko ha rilevato parte del sito marsicano che produce batterie per auto e batterie industriali.

L’acquisizione, di cui ancora si conoscono solo pochissimi dettagli, è avvenuta nei giorni scorsi ed è stata annunciata ai dipendenti, dai vertici aziendali, durante la cena natalizia. Da quanto è emerso da un articolo apparso su ilcentro.it, l’azienda avrà una nuova guida per lo stabilimento che negli ultimi anni ha dato segnali rassicuranti sia per gli investimenti fatti, oltre 40 milioni di euro dal 2011, sia per il numero di dipendenti, che è cresciuto fino a superare la soglia delle 400 unità. Ricordiamo che Hitachi Chemical, nel novembre 2016, aveva acquisito il 51 per cento delle azioni di Fiamm Energy Technology spa, la new company nata in seguito alla separazione dal gruppo Fiamm del business delle batterie automotive e delle batterie industriali con tecnologia al piombo. Un’operazione importante sia per la Fiamm, che cercava un partner industriale, per aumentare la propria gamma di prodotti, sia per la Hitachi, intenzionata ad approdare nel mercato europeo dove era poco presente. La Showa Denko che opera nel campo dei materiali industriali e chimici avrebbe in mano il cento per cento delle quote del sito del nucleo industriale avezzanese dove lavorano attualmente 370 dipendenti a tempo indeterminato e 50 interinali.

La Showa Denko è una delle principali società giapponesi di ingegneria chimica con sede a Tokyo e stabilimenti in tutto il mondo. Nata nel 1939 dalla fusione tra Nihon Electrical Industries e Showa Fertilizers, Showa Denko K.K. produce prodotti chimici e materiali industriali.

Nei prossimi giorni si avranno ulteriori informazioni sull’acquisizione.

 

Fonte www.ilcentro.it

Torna in alto

Autopromotec 2019

Scopri GM-Edu.it

Contatti Redazione

Il Giornale del Meccanico
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.